e-theatre

ideazione Simone Carella
cura editoriale Areta Gambaro
produzione Ulisse Benedetti 
streaming video in collaborazione con
Paolo Grassini e Videoset

 
 
 
sede fisica Colosseo Nuovo Teatro
2007-2013, Roma

www.e-theatre.it è stato il primo portale al mondo di teatro, poesia, musica, arte, danza e cultura in generale, la cui peculiarità è stata la diretta streaming sul portale e la successiva archiviazione integrale degli spettacoli e degli altri eventi così da rimanere sempre fruibili. Attualmente il sito non è più attivo.

Manifesto e-theatre:

Durante gli anni di e-theatre Simone Carella dirigerà e inviterà diversi poeti e attori (fra cui Sara Ventroni, Lidia Riviello, Maria Grazia Calandrone, Luigi Rigoni, Sonia Bergamasco, Patrizia Bettini) in serate dedicate al poeta Elio Pagliarani; promuoverà la nuova drammaturgia teatrale assecondando l’idea di Nico Garrone di una rassegna della non-scuola romana di cui faranno parte Daniele Timpano, Lucia Calamaro, Andrea Cosentino, Mirko Feliziani e altri; coinvolgerà diversi musicisti per la rassegna da lui ideata Suoni: i lunedì della musica, fra cui i compositori e pianisti Antonello Neri e Arturo Annecchino, i musicisti Alvin Curran, Gianni Trovalusci, Mike Cooper, Marco Ariano, Luca Tilli, Luca Venitucci, il Trio Iato e Navà ensemble oltre che il cantautore Canio Loguercio; sosterrà con l’ausilio video il Festival Musicometa diretto dall’organista Livia Mazzanti, gli spettacoli di danza della compagnia Caputo-Senica con costumi e scene di Mario Romano, oltre a dar vita a collaborazioni con i più importanti festival teatrali come Short Theatre, Inequilibrio, Armunia, a partecipazioni a mostre d’arte e a eventi culturali quali i cicli di incontri sulla drammaturgia e la scrittura per la rivista di teatro Quaderni di Scena diretta dal giornalista e critico teatrale Attilio Scarpellini in collaborazione con Graziano Graziani e la redazione della testata giornalistica Teatro e Critica.

[...] «1.3 Ma i diastematici lampeggiamenti di Simone non sono cessati. Ripresi i contatti col vecchio sodale Ulisse Benedetti, nel 2007 ha inaugurato con una festa per gli 80 anni di Pagliarani un nuovo spazio: l’E-Theatre/Nuovo Colosseo. Che sarebbe, nei suoi intendimenti, il Beat72 del nuovo millennio. Un teatro i cui eventi e spettacoli vengono trasmessi in streaming sul Web. Un teatro interconnesso con la Rete, per aggiornare e rendere praticabile la sua vecchia idea di mass-mediatizzare il teatro, che lo aveva condotto anni fa a dare vita prima a Tele Beat e poi a Canale Zero, un’epifenomenica emittente locale che doveva riversare il teatro d’avanguardia nello spazio televisivo. Oggi Internet consente di rendere plausibile e globalizzabile questa utopia. Si vedrà, chi vivrà saprà. Carella resta il più romantico degli avanguardisti e il più avanguardista dei romantici». [...]
Marco Palladini, I teatronauti del chaos - La scena sperimentale e postmoderna in Italia (1976-2008), Fermenti Editore, 2009
Corriere della Sera - L.Martellini
OFF - A.Balzola
RomaC'è - F.Gianuario