Elio Pagliarani
IL POEMA DI ALESSANDRO

regia video Simone Carella
con Luigi Rigoni

e con Andrea Breda Minello,
Maria Grazia Calandrone, Laura Cingolani, Lidia Riviello, Sara Ventroni
editing video Areta Gambaro

 

 

E-theatre - 28 maggio 2012, Roma

«Elio Pagliarani è stato per me il "poeta teatrale", l’autore che ho maggiormente rappresentato: tutta la mia carriera di regista improprio è stata segnata dalla sua opera. Ho esordito in teatro nel 1967 come aiuto-assistente volontario di Gian Carlo Celli che con il suo gruppo Dioniso Teatro ha messo in scena Fecaloro, rappresentato al festival di Spoleto off, e che insieme a Lidia Biondi abbiamo riproposto in molte occasioni successive, tra cui Parco Sabotino-Estate Romana, 1980.

   In proprio ho messo in scena La Bella Addormentata, rappresentata in due versioni. La prima, estate ’84, all’aperto nella Villa Comunale di Monterotondo, con Victor Cavallo, Patrizia Bettini, Isabella Martelli, scenografia di Mario Romano che riproduceva il Monumento alla terza Internazionale di Tatlin (Elio non la vide). Seconda versione al Beat72, inverno ’85, con Patrizia Bettini e Isabella Martelli, ambientata in un bivacco notturno di due partigiane sull’Appennino, che si raccontavano la storia della Bella Addormentata di Elio Pagliarani intorno al fuoco, fu apprezzata da Elio e Cetta.
Il 21 maggio 2007 al Colosseo Nuovo Teatro ci fu la festa per gli 80 anni di Elio Pagliarani (inaugurazione del progetto www.e-theatre.it). Andarono in scena letture recitate della Ballata di Rudi (Luigi Rigoni con Antonello Neri al pianoforte), della Ragazza Carla (Sonia Bergamasco), un breve estratto in inglese da Lezione di fisica (Roberta Garrison con intervento musicale di Alvin Curran), una lettura scenica dell’Impero all’asta (con Sara Ventroni, Emilio Bonucci, Annamaria Loliva, Giovanni Magnarelli, Michele Botrugno, Gaetano Mosca, Isabella Martelli e Giorgio Scardino al pianoforte) e una versione itinerante della Bella Addormentata (con Patrizia Bettini, Isabella Martelli e Areta Gambaro al flauto dolce).
Confesso il mio più grande rimpianto: non essere ancora riuscito a mettere in scena il più bel testo di poesia drammatica che conosco, di Elio Pagliarani: La Bestia di Porpora o Il Poema di Alessandro [
la regia video di Simone Carella al Poema di Alessandro uscirà pochi mesi dopo la scomparsa di Elio Pagliarani, ndr ]. Se mi è consentito voglio citare la dedica di Elio a Tutte le poesie: "a S. C. regista di tanti pasticci anche miei, E. P."»

Simone Carella, "Elio per tutti, tutti per Elio", Alfabeta2, 2012

Corriere della Sera - L.Martellini